Stampa questa pagina

Giovedì, 25 Luglio 2019 21:49  Asterio Tubaldi  736 

Recanati: al cimitero ripartiti i lavori per la costruzione di nuovi loculi

Recanati: al cimitero ripartiti i lavori per la costruzione di nuovi loculi

affidati i lavori alla ditta Edil 93 di Stacchiotti Luciano di Recanati e professionisti incaricati: Andrea Costantini di Potenza Picena e il geom. Simone Regini di Recanati

Ha riaperto i battenti il cantiere per la realizzazione di 144 sepolture e 40 loculi comunali in un’area ubicata nel settore 4 del Civico Cimitero di Recanati per un importo di 187.061 euro. Il 13 giugno scorso sono stati affidati i lavori alla ditta Edil 93 di Stacchiotti Luciano di Recanati che, al netto del ribasso offerto del 18%, eseguirà l’intervento al costo di 106.481 euro. Per la  progettazione di livello esecutivo, visto che non era possibile procedere, nei tempi programmati dall’Amministrazione, con il personale tecnico del Comune stesso in quanto già pienamente impegnato nei molteplici compiti d'istituto, si è deciso di avvalersi di due tecnici esterni. Per la progettazione esecutiva e la direzione dei lavori l’incarico è stato affidato all’ing. Andrea Costantini di Potenza Picena dietro il corrispettivo lordo di 13.957 euro. Per la redazione del Piano di Sicurezza e di Coordinamento in fase di esecuzione è stato scelto il geom. Simone Regini di Recanati a cui sarà liquidata una parcella lorda di 4.160 euro. Lunga e complicata è la storia di questo intervento al cimitero. Come si ricorderà l’Amministrazione comunale, nel settembre scorso, fu costretta a risolvere un analogo contratto stipulato un anno prima con la ditta Mammoli Edilizia Srl di Todi. La ditta aveva vinto l’appalto e i lavori sarebbero dovuti iniziare il 26 luglio 2017 per concludersi il 23 marzo 2018. Ma così non è stato perché fra perizie di variante proposte, subappalti richiesti, mancata presentazione di tutta la documentazione necessaria si arriva al 22 maggio 2018 con i lavori realizzati a metà. In più a maggio la ditta di fatto abbandona il cantiere e non si fa più vedere. Insomma, una situazione difficile che finisce con la chiusura del cantiere, lo sgombero delle aree di lavoro e la riscossione da parte del Comune delle polizze fidejussorie. E ora si spera con questo nuovo appalto di riuscire finalmente a procedere alla consegna delle sepolture private ai cittadini assegnatari che, in alcuni casi, avevano già provveduto anche a pagare quanto dovuto all’Amministrazione.

opinioni a confronto

2 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!