Stampa questa pagina

Sabato, 01 Febbraio 2020 09:23  Asterio Tubaldi  3970 

E’ possibile risparmiare sul consumo di gas e luce?

E’ possibile risparmiare sul consumo di gas e luce?

ascolta gli utili consigli di Luciano Castiglione, direttore generale dell'Astea

A sentire, l’altra sera, alla Società Operaia di Recanati Luciano Castiglione, direttore generale di Astea energia, basta un poco di attenzione e possiamo dire addio a consumi e costi inutili. “Spesso non abbiamo consapevolezza, ha detto, di quello che consumiamo e soprattutto che cosa ci fa consumare. Io per primo in sala ho due lampadari, ognuno dei quali aveva 20 lampadine alogene da 20 watt. Se accendevo quei due lampadari erano 800 wat di consumo che se ne andavano. Ho convertito quelle lampadine a led ed ora i due lampadari non assorbano più di 100 watt”.

Castiglione con la sua relazione riporta tutti ad una triste e cruda realtà: “Anche se abbattete i consumi per diminuire i costi, siccome su una bolletta ipotetica di 100 euro il consumo al massimo è di 35 euro, il risparmio alla fine è di 3 o 5 euro, non di più. Questo perché ci sono gli oneri fissi che incidono sul costo di una bolletta”.

Allora è una impresa inutile cercare di risparmiare? No. Intanto Castiglione ha suggerito di utilizzare il bonus sociale. Che cos’è? “Lo Stato italiano, ha spiegato, mette a disposizione delle famiglie, che hanno una Isee sotto un certo valore, sui 15 mila euro, la possibilità di usufruire di un bonus sociale che mensilmente abbate il costo delle forniture del gas e dell’energia elettrica. Dai dati del Ministero delle Finanze in Italia ci sarebbero circa 3 milioni di famiglie che potrebbero usufruire di questo bonus: basta portar l’Isee in Comune e il gioco è fatto. Ebbene sapete quante di queste famiglie ne usufruiscono? Meno di 700 mila. Cioè, anche chi potrebbe pagare meno l’energia elettrica, perché in fondo gliela paga lo Stato, non sfrutta questa opportunità”.

Poi ci sono alcune utenze particolari che, dati i costi fissi che ci sono, oggi non vale più la pena avere. “Sapete quali sono? Molti, per esempio, hanno dei garage che non sono annessi alla abitazione, quindi con un contatore a parte. Ebbene, il totale del consumo della luce e della saracinesca elettronica, in un anno, non arriva a 10 chilowatt. Eppure i padroni di questi garage alla fine dell’anno non spendono meno di 700 euro. Allora, togliete il contatore: ricorrete alle luci di emergenza e alzate a mano la saracinesca perché quelle 700 euro sono veramente buttate via

Poi ci sono le prime e seconde case. Quest’ultime un tempo avevano le tariffe agevolate. Dal 2018 hanno invece delle tariffe fisse che sono quasi il doppio di quelle di residenza. Se uno ha una casa al mare o in montagna, che utilizza per due o tre mesi all’anno, è preferibile chiudere l’utenza quando non la usa ed aprirla ogni volta quando l’abita: alla fine dell’anno, così facendo, spende molto meno

opinioni a confronto

7 persone hanno espresso la loro opinione ed aspettano la tua!